24 gennaio 2013

La live-cronaca del quattordicesimo episodio

Gli sbandieratori

[ Rivivi tutti i migliori momenti di questo episodio attraverso la gallery di foto e video! ]

Pronti per un nuovo episodio di MasterChef! Raccapezziamoci: per colpa di un pessimo raviolo Nicola è stato giudicato il peggiore dell’Invention Test, e si è guadagnato il grembiule nero: non potrà partecipare alla prova in esterna e andrà dritto al Duello contro il peggiore del Pressure Test. Oggi abbiamo portato i nostri otto aspiranti chef nel calore della Sud Italia, a Ceglie Messapica, una delle città più antiche della Puglia. Maurizio – il vincitore dell’Invention Test – avrà invece il privilegio di scegliere la sua squadra nella prova pugliese.

22.16 - Accompagnati da un limpido cielo e dal canto degli uccellini, I nostri concorrenti attraversano le candide vie del centro di Ceglie, il tempio della gastronomia pugliese. Oggi la città ospiterà la Sagra delle Antiche Tradizioni Culinarie Pugliesi: ogni squadra dovrà cucinare due piatti regionali, e sarà giudicata dal Sindaco e da un pubblico di esperti gastronomici pugliesi. La squadra rossa dovrà preparare Orecchiette al pomodoro fresco, cacioricotta e basilico e Purea di fave con cornaretti e cipolla rossa in agrodolce; la squadra blu Chicchi di grano pesto al ragù di guanciale fresco e Brasciola di carne al ragù. Il nostro veterinario Michele è già sul chi va là: “la cucina pugliese ha una tradizione di carne equina, io lavoro con i cavalli, per me è come mangiare un cane”.

22.19 - Maurizio sceglie il grembiule rosso, e prende con sé Marika, Andrea e, inaspettatamente, l’Avvocato Tiziana. Tieni i tuoi amici vicini e i tuoi nemici ancora più vicini, se hanno origini pugliesi, poi, ancora meglio. La squadra blu è invece formata da Daiana, Ivan, Paola e Michele, quest’ultimo scelto all'unanimità come caposquadra. E il nostro veterinario scopre la nefasta verità: la carne sarà di cavallo. Nessun problema per i blu, c’è Paola: “ci penso io, potrei sgozzare anche un gatto passante, non ho problemi”. Ma no Paola, e poi su Instagram cosa pubblichiamo??

22.21 - Sappiamo di essere sempre un po’ cattivelli, ma sappiamo anche come mettere sulla buona strada i nostri aspiranti chef. Ecco dunque giungere degli esperti che insegneranno tecniche e insidie per ogni piatto: Angelo Allegretti per il grano, Dora Ricci per la purea di fave, Santino e Nicola per la brasciola e la massima esperta cegliese di orecchiette Cececca. Due ore di tempo per preparare e servire i piatti. Tredueuno VIA!

22.23 - E al grido di “Dove sta CICERCHIA??” la squadra rossa parte con la preparazione delle orecchiette, mentre la blu ascolta i preziosi consigli di Angelo sulla cottura del grano. Fatti propri anche i suggerimenti sugli involtini e la purea di fave, ora i nostri talenti devono stare attenti a rispettare la tradizione culinaria pugliese. Andrea e Maurizio battibeccano ai fornelli, lo chef Barbieri redarguisce i blu sulla cottura degli involtini: “AUMENTA, le rosolature si fanno col fuoco alto!”. Where is the pyromaniac Daiana? I giudici passano a visitare anche la regina delle orecchiette Tiziana, criticando il suo lavoro. L’Avvocato raccoglierà a orecchie basse tutti i rimproveri di Cracco e Barbieri? Ovviamente no, anzi: infastidita, scaglia il suo disappunto su Marika, la quale, a suo dire, sta rovinando tutte le sue divine orecchiette. Per fortuna arriva Capitan Maurizio a raffreddare le acque.

22.29 - Se la settimana scorsa l’abbiamo vista nei panni di regina del fuoco, in questa esterna la ritroviamo regina delle caprette: per Daiana il sugo ha bisogno di sale, mentre per tutti gli altri componenti della squadra blu è perfetto. Giunge il buon Barbieri a frenare l’avidità di sodio della nostra toscana. E tra un involtino e un’orecchietta, giunge un battaglione di bambini con dei tamburelli a forma di fetta di melanzana, e la nostra Daiana già s’he hommossa. Gli sbandieratori scandiscono l’inizio della gara, e il tempo per la cucina è quasi finito.

22.33 - È giunto per la squadra rossa il momento di servire le orecchiette. Saranno all’altezza di quelle di Queen Cececca? No. O per lo meno così dice il sindaco: “la parte interna è cotta pochissimo, non c’è omogeneità nella cottura”. Chi ben comincia…? Tocca ora al grano pesto della squadra blu. Va meglio? “Non è malissimo”, dice il primo cittadino. Non si sbottoni troppo con i complimenti eh, Sindaco! La purea di fave della squadra rossa sembra aver centrato il bersaglio, mentre la braciola non è sufficientemente cotta. Siamo già al momento del voto: ceramica rossa o ceramica blu?

22.40 - I giudici sono pronti a riempire il cielo di Ceglie di coriandoli rossi o blu. Pronti a scoprire l’esito della sfida? Tre, due, uno… E il cielo si colora di rosso! Festa grande per la squadra rossa, accompagnata da balli e tamburelli: tutti verso Cececca per innalzarla verso il cielo! Bravi tutti! O meglio, bravi i rossi, visto che i blu ora andranno dritti al Pressure Test.

22.42 - Si ritorna in cucina, dove troviamo Nicola: avrà dormito in piattaia o sui piani cottura? Serve tanta “congendrazione”, come direbbe Ivan, per evitare il Duello. I giudici tolgono il velo nero dal tavolo, ed ecco comparire un gigante salmone da sfilettare alla perfezione. Michele sembra tranquillo e sicuro di sé, Daiana l’esatto opposto. Ognuno dovrà ricavare almeno 10 porzioni, e una di esse dovrà essere cotta in maniera impeccabile. Il salmone è un po’ come il maiale: non si butta via niente.

22.45 - Cracco affila i coltelli con fervore e mostra agli aspiranti chef come sfilettare il pesce: segnare, squamare, appoggiarsi sulla spina dorsale, tagliare e prestare attenzione alle porzioni, che devono essere tutte uguali. Facile no? E poi, chiaramente, va anche cotto alla perfezione, “anche se è tremendamente demodé”, come dice Paola. Quindici minuti di tempo. TREDUEUNOVIA!

22.48 - Barbieri già vede tecniche completamente sbagliate. Michele sta facendo un disastro, e se ne accorge lui per primo. Mancano 10 minuti! Anzi no, ne mancano già 5! Come vola il tempo sfilettando salmoni, eh? E già bisogna passare alla cottura del pesce. Due minuti. Un minuto. Impiattare. Mani in aria!

22.50 - Il momento del giudizio è arrivato. Si comincia con Daiana, il cui salmone sembra essere crudo. Ma il sale, per lo meno, è giusto. E conoscendo i nostri polli è già tanto. Anche le porzioni di salmone non vanno bene: Bastianich ne salva a fatica quattro. E anche se “quattro” è il nome del suo cane, Joe non ci va leggero: “un pesce di due chili, tu sei riuscita a tirare fuori quattro porzioni?? In mio ristorante tu sei licenziata!”.

22.51 - Si passa ad Ivan. Il suo salmone è meglio di quello di Daiana. Una cottura perfetta, secondo Cracco. “Sul pesce nonmisibbatte. Mettetevelo in testa!”. Lo terremo a mente, Ivan! Un destino decisamente più avverso attende invece Michele: “questo ti sembra presentabile??”, lo rimprovera Bastianich, che a conferma della sua tesi mostra la lisca ben lontana da quella di Cracco. E pure la cottura è completamente sbagliata. Il salmone di Paola è completamente pieno di spine. “Come il solito tu hai dato il minimo!”, la sgrida Bastianich. “Ho fatto quello che sono riuscita”, ribatte Paola.

22.53 - Arriva il verdetto: Ivan si salva (“ancora una volta è stato fortunato”, a detta di Marika), e anche Paola e Daiana. Sarà dunque Michele a dover sfidare Nicola nel Duello finale!

22.54 - Tutto ruota attorno ad una piccola e semplice mela. Il Duello consiste nel fare il maggior numero possibile di piatti, delle micro porzioni, con una lunga serie di ingredienti a disposizione. Unica regola: inserire sempre e comunque un pezzetto di mela. Verrà poi valutato il numero dei piatti e la qualità. Chi avrà fatto più piatti validi avrà vinto. 20 minuti, da ora!

22.56 - I nostri aspiranti cuochi lavorano alacremente, e il carrellino si riempie gradualmente di piattini. Con grande frenesia di giudici e concorrenti il tempo volge al termine. Nicola ha realizzato 8 piatti, Michele 11. Solo i piatti perfetti saranno giudicati validi.

22.59 - Gli assaggi partono da Nicola. Primo piatto valido. Il secondo no, il terzo sì e il quarto no, perché manca la mela. Validissimo il quinto, valido anche il sesto. Settimo buono, dunque valido. Ottavo e ultimo piatto, a base di cicala di mare, valido. Nicola ha totalizzato sei piatti validi. Michele riuscirà a fare di meglio?

23.01 - Primo piatto sbattuto per terra da Joe. Dunque non valido. Il secondo e il terzo sono validi, mentre il quarto ha decisamente meno fortuna: “il gambero crudo con il uovo crudo?” chiede Bastianich. Inaccettabile. Il quinto non è valido, giudicato da Cracco “terribile”. Il sesto è buono e passa, il settimo invece non incontra il favore di Joe, che addirittura lo prende e lo scaraventa oltre le cucine. L’ottavo è valido, e anche il nono. Idem il decimo. L’ultimo piatto, il decisivo, non passa. In totale sei piatti validi, esattamente come Nicola. Che accade dunque?

23.06 - Tutto si basa sulla qualità dei piatti assaggiati. I giudici hanno deciso. “Per te Michele non c’è più il tempo di imparare” e la sua avventura a MasterChef finisce qui.

 
MasterChef Italia 2016
MasterChef Italia

Sky YAM Endemol Shine Group

Tutti i marchi Sky e i diritti di proprietà intellettuale in essi contenuti, sono di proprietà di Sky international AG e sono
utilizzati su licenza. Copyright ©2017 Sky Italia - P.IVA 04619241005 - Segnalazione abusi

Cerca su Sky

Hai dimenticato i tuoi dati di accesso? Clicca qui

Non sei registrato? Registrati ora

Recupera il tuo Sky iD
Recupera il tuo Sky iD
Recupera password
Ti informiamo che a breve riceverai una e-mail che ti permetterà di modificare la tua password
Aggiorna indirizzo email
Calcola codice fiscale
Aggiorna indirizzo email
E' stata inviata una email di conferma al nuovo indirizzo che hai specificato, la procedura di aggiornamento sarà completa non appena selezionerai il link di conferma.
Aggiorna indirizzo email
Si è verificato un errore durante la procedura di aggiornamento. Riprovare più tardi
Caricamento in corso...